La mappa delle connessioni in Facebook

Qualche giorno fa avevo postato un articolo sull’analisi delle proprie connessioni in LinkedIn, grazie ad uno strumento (InMaps, molto semplice ed immediato da utilizzare) che crea in automatico tale mappa.

Ora, come riporta anche il blog di Vincenzo Cosenza, potrebbe essere interessante fare la stessa cosa anche per le connessioni (amicizie) in Facebook.

Fino a qualche tempo fa, in Facebook, c’era Nexus che in automatico, proprio come InMaps per LinkedIn, creava la mappa e evidenziava connessioni e nodi. Purtroppo ora Nexus non è più disponibile.

L’analisi e la rappresentazione grafica delle proprie connessioni in Facebook, come presenta anche Sociomantic Labs in questa presentazione in Slideshare, si possono ottenere seguendo un procedimento un po’ più articolato, che ricorre ad una applicazione in Facebook per esportare i dati (Netvizz) e poi Gephi per analizzarli e visualizzarli.

La presentazione di Sociomantic suggerisce anche quali operazioni fare in Gephi per rendere più interessante e “significativa” la mappa grafica che otteniamo (ad es. aggiustare il layout, usare il ranking, prossimità e rilevanza delle singole connessioni etc…).

Il risultato? Una cosa così (questa è l’analisi delle mie connessioni):

Analisi connessioni facebook fatta con gephi

A cosa può servire una tale analisi? Beh, è soprattutto “curiosità”, visto che, si presume, sappiamo già bene chi sono le nostre connessioni (intendo proprio nella vita vera), come sono “raggruppate” ed eventualmente collegate tra loro (gli amici del paese di residenza, i parenti, i colleghi di ufficio, i compagni di scuola e università, etc…).

Vederlo rappresentato graficamente fa comunque il suo effetto.

Questa voce è stata pubblicata in curiosità, Social network, web 2.0 e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La mappa delle connessioni in Facebook

  1. lordbad ha detto:

    è interessante osservare come un social network possa essere tanto un’occasione per fare successo, per trovarsi, quanto per perdersi.

    Alienante non è dunque l’oggetto in sè, ma la funzione che affidiamo a quell’oggetto.

    Interessamte post il tuo🙂 Spero avrai tempo di ricambiare la visita su Vongole & Merluzzi dove parliamo dei social network raccontando una storia di fuga ^^

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/03/15/facetrix-revolution/

    Mi piace

  2. Lorenzo ha detto:

    Grazie per il commento. Vado subito a leggermi il post che mi hai indicato.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...